Eventi

Feb
5
lun
Incontro di progettazione partecipata @ biblioteca comunale
Feb 5@3:00 PM

INCONTRI DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA – 5 FEBBRAIO 2018
,
Nel corso dell’ultima assemblea degli associati tenutasi lo scorso Dicembre, è emerso il bisogno da parte di molti associati di incontrarsi per discutere e approfondire alcuni argomenti sul futuro dell’associazione che stanno a cuore molti di noi. Nel corso di questi ultimi anni, soprattutto a seguito dell’esperienza dell’Open Space Technology, molti mi hanno chiesto di ripetere l’esperienza di incontri gestiti con i metodi partecipativi. A questo scopo abbiamo pensato di avviare una serie di incontri di progettazione partecipata.
Il primo si terrà il 5 Febbraio 2018 alle ore 15.00 presso l’Emeroteca della Biblioteca Comunale.
L’incontro sarà un’occasione per discutere di due temi fondamentali per l’associazione secondo quanto emerso dalla somministrazione dei questionari e dall’assemblea:
1) Prospettive future per l’Ufficio Informazioni Turistiche di Piazza della Libertà 65
2) Nuove attività promozionali per gli Associati de Il Borgo Ostuni
Si formeranno due gruppi di lavoro, secondo l’interesse di ciascuno, ciascun gruppo sarà guidato da un facilitatore e, partendo dal far emergere le idee di tutti, si arriverà, seguendo una griglia predefinita, a redigere un progetto vero e proprio da realizzare.
Facilitatori: Pia Wachter; Sandra Lanza
Partecipanti: Tutti gli associati del Borgo Ostuni
Durata: 2 ore circa
Si prega di contattare l’infopoint o i facilitatori per prenotarsi. Infopoint: 08311798833; Pia Wachter:
3358037241; Sandra Lanza: 3286045389
Vi aspettiamo!

Feb
18
dom
Librinfaccia presenta: “Meglio liberi” di Alessandro Di Battista @ Hotel Ostuni Palace
Feb 18@12:00 PM

“Caro Andrea, non eri ‘previsto’, ma questo non significa che non ti volessimo, anzi!
La verità è che sia io che Sahra eravamo terrorizzati all’idea che l’altro fosse rimasto incastrato in questa situazione. Sahra temeva che io non l’amassi davvero e che stessi con lei per senso del dovere. Anch’io avevo le mie paure, ho sempre avuto paura di lasciarmi andare, di essere abbandonato dalla donna che amavo”.
Si racconta così l’esponente M5S Alessandro Di Battista nel libro appena uscito “Meglio Liberi, Lettera a mio figlio sul coraggio di cambiare” edito da Rizzoli.
Il libro si snoda lungo due binari: l’attesa e la prima settimana di vita del figlio e gli avvenimenti degli ultimi mesi (o anni) che hanno portatoAlessandro Di Battista a maturare le sue scelte. “Avrei voluto dare a Rimini la notizia della mia non ricandidatura” scrive il parlamentare, che decide poi di non svelare la sua decisione per non rovinare la kermesse a Luigi Di Maio. “Io non sono uno statista, ho fatto il parlamentare e ce l’ho messa tutta”.

Appuntamento a domenica 18 febbraio alle ore 12,00 presso l’Hotel Ostuni Palace. Dialoga con l’autore Giuseppe De Tomaso, direttore della La Gazzetta del Mezzogiorno.it.

Una domenica da non perdere. L’organizzazione assicura la diretta social – #Librinfaccia #OstuniPalace #linfa18 #DiBattista #MeglioLiberi #Ostuni

Feb
27
mar
Un aperitivo con @ Hotel Ostuni Palace
Feb 27@7:30 PM

Il Rotary Club Ostuni-Valle d’Itria-Rosamarina
organizza ogni mese “Un Aperitivo con …”

Momento di incontro con personalità del mondo economico, della cultura e dello spettacolo per chiacchierare in amicizia,
degustando un Aperitivo Mediterraneo.

L’ingresso è libero, mentre la consumazione ha un costo di 10 euro
e parte del ricavato sarà devoluto ai service che il Rotary Club realizza per lo sviluppo di progetti sociali ed umanitari.

Questo mese ospitiamo ANGELO DI SUMMA (giornalista e scrittore), intervistato da PAOLA LOPARCO (giornalista), per parlare di
“Paul e il ragazzo. Il Rotary raccontato ai giovani”.

Mar
3
sab
Festa delle donne del vino – quando il vino incontra la cultura @ Masseria Il Frantoio
Mar 3@6:00 PM

Festa delle Donne del Vino 2018 – Puglia

Nell’ambito della Festa nazionale delle #DonneDelVino per i trent’anni di attività, anche la delegazione pugliese festeggia con un programma ricco e diffuso lungo tutta la regione. Un tema stimolante quello scelto per le iniziative: “Donne vino e cinema”, per accendere metaforicamente i riflettori sul comparto enologico rivolgendosi in prima battuta all’universo femminile. Riferimenti al cinema, video autoprodotti per raccontare la vita delle Donne del Vino e visite nella propria cantina o nei propri spazi di lavoro, pensando a incontri e confronti con degustazioni e mini lezioni nell’ottica della diffusione della cultura del buon bere.

Per l’occasione la Masseria Il Frantoio ospita l’evento:

🍷Quando il vino incontra la cultura
⭕Sala Musica h 18.00

➡️Programma della serata:

🕗 h 18.00 Una breve introduzione sulle attività dell’associazione Donne del Vino anticipa la presentazione del libro di Pino De Luca, docente di informativa e giornalista appassionato della sua terra, dal titolo “Le rape di Santino” (Ed. Il Raggio Verde collana “I racconti del terroir”), un noir enogastronomico che ha per protagonista il proprietario di un cinema. De Luca sarà introdotto da Giusy Santomanco, da sempre impegnata nella promozione culturale del territorio.

Nella sala Tv, poi, saranno trasmesse scene di film nei quali il vino è protagonista. Durante la visione sarà servito un aperitivo con i vini della delegazione pugliese, raccontati dalle produttrici, e finger food con prodotti tipici del territorio (ingresso gratuito su prenotazione – tel. 0831-330276, max 30 persone).

Chi vorrà potrà trattenersi per una 🍽️ #cena pensata per l’occasione

🕗h 20 – Visita alla masseria con una guida d’eccezione, il proprietario Armando Balestrazzi. A seguire Le cuoche della Masseria Il Frantoio delizieranno i presenti con preparazioni speciali, un vero e proprio viaggio alla scoperta dei sapori di Puglia, accompagnati dai vini delle produttrici Donne del Vino Puglia.

Il costo della cena è di 40 € a persona con prenotazione obbligatoria ☎️ tel. 0831 330276

➡️Ingresso libero su prenotazione e cena su prenotazione.
Evento a cura di Lucia Leone (sommelier della Masseria Il Frantoio)

Vi aspettiamo per trascorrere una splendida serata!

Per info e prenotazioni:

– 📞 +39 0831 332441
– 📩 prenota@masseriailfrantoio.it

L’evento è organizzato dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino e l’ideatrice dell’iniziativa è la Presidente delle Donne del Vino Donatella Cinelli Colombini.

🔗http://www.ledonnedelvino.com/

Mar
5
lun
Cinewine: Romeo + Juliet @ slow cinema e walking wine
Mar 5@8:30 PM

Slow cinema e Walking wine presentano per la prima volta la proiezione di film stranieri in lingua originale.

Tutti i film hanno i sottotitoli in italiano.

Start: h20.30

€6 solo il biglietto

€10 biglietto + calice di vino

Se il calice di walking wine è già in vostro possesso, il costo è di solo €3,00.

Mar
23
ven
Arkitettiamo 3° edizione – Tribù @ Hotel Ostuni Palace
Mar 23@3:30 PM

Si inaugura la 3^ edizione della rassegna “ARKITETTIAMO” con la presentazione di un’azienda belga leader nel settore della produzione e distribuzione di arredi di design per esterno “Tribù” .

Ospiti della serata: l’architetto Monica Armani e Silvana Grotto, direttrice commerciale Tribù.

Ai partecipanti verranno riconosciuti 3 CFP

/////////////////////////////////////
Protagonista di un’avventura imprenditoriale a livello mondiale di grande successo, l’azienda Tribù – che agli inizi degli anni ’90 era uno dei pionieri che vedeva nella terrazza ed il giardino un’estensione della casa – ha fatto della continua ricerca della qualità, della semplicità, dell’eleganza, della purezza delle forme e dell’innovazione la propria missione.
Attualmente Tribù distribuisce i propri arredi di design per esterno in oltre 60 paesi, confermandosi uno dei leader mondiali nel settore.
Tribù è una miscela di eleganza contemporanea, assoluta purezza ed una modernità eccentrica, in grado di appassionarvi anche dopo molti anni. La caratteristica ed elegante finitura degli arredi di design da esterni, abbinata ad un’innata raffinatezza non temono il confronto con gli arredi per interni.
La maggior parte della collezione Tribù è realizzata da designer di fama internazionale (Yabu Pushelberg, Monica Armani, Piergiorgio Cazzaniga, Lievore Altherr Molina, Studio Segers, solo per citarne alcuni) il cui stile si sposa con il concetto di design del marchio, ovvero linee sobrie con una particolare attenzione per il dettaglio.

Mar
25
dom
Passione 2018 – Opera paese @ Piazza della Libertà - Centro storico
Mar 25@8:00 PM

La Passione a Ostuni
è un’Opera Paese firmata da Buttafuoco
Lo scrittore è stato chiamato dall’associazione Terra a riscrivere gli ultimi momenti della vita di Cristo coadiuvato dal cantastorie Mario Incudine. Insieme, hanno coinvolto l’intera città bianca. Domenica e lunedì alle 20 da piazza della Libertà alla cinta muraria con cori, gruppi folk, banda e confraternite.

La Passione di Cristo rivive a Ostuni la Domenica delle Palme e il lunedì santo coinvolgendo l’intera città bianca, sotto la direzione di Pietrangelo Buttafuoco e la partecipazione di Mario Incudine, cantastorie e maestro concertatore. È un’Opera Paese quella riscritta dallo scrittore, che il 25 e il 26 marzo, dalle 20 in poi, coinvolgerà non solo 300 persone tra figuranti e musicisti per raccontare il sacrificio di Cristo, ma anche le strade, le piazze, i balconi delle case nel percorso di 500 metri che si snoderà da piazza della Libertà alla cinta muraria, trasformata nel “Monte del Cranio”, palcoscenico di un’inedita Via Crucis.

La sfida dell’associazione culturale Terra, formata da un intraprendente gruppo di giovani di Ostuni Beppe Moro Gianluca Slow Zurlo Fabrizio Monopoli Domenico Lococciolo Giuseppe Francioso Gianluca IaiaMaurizio Flore Giusy Pomes, era quella di dare una nuova prospettiva alla tradizionale Passione, la rappresentazione vivente della crocifissione morte di Cristo, che vanta una lunga storia in città. L’opera di Buttafuoco è pensata come una voce unica tessuta da una coralità fatta di silenzi, fiati, sospiri, troccole, pelli di tamburo, quello che Incudine definisce “il suono di Ostuni” e che inevitabilmente attinge al dialetto pugliese e richiama quello siciliano.

Oltre alla task force dei 40 tecnici fra sarti, falegnami, costumisti, questa Passione regge sulla braccia robuste dei musicisti della banda di Ceglie Messapica Associazione Giovani Musicisti “Antonietta Amico”, i cantori del CorOstuni, il coro del bambini Passione junior Scuola dell’Infanzia San Giovanni XXIII, i gruppi folk Gruppo Folk Città Di Ostuni e Gruppo Folk La Stella, la Confraternita del Carmine Ostuni, Confraternita del Purgatorio Ostuni, Confraternita Madonna Dei Fiori Ostuni, dello Spirito Santo, arciconfraternita dell’Immacolata, Confraternita Santa Maria della Stella. I tre protagonisti (Felice Prudentino in Gesù, Marina Buongiorno nel ruolo di Maria Addolorata e Matteo Pacifico in Pilato) dialogheranno con tutti gli altri interpreti della Passione (Carmelo Greco è Caifa, Antonio D’Ippolito è il soldato romano Ammazzatopi, Giuseppe Francioso è il suonatore di tromba Chiancanedda, Nicoletta Narracci è Maria Maddalena, Francesca Galizia è la Veronica, Angelo Barnaba è Pietro, Salvatore Tanzarella è Barabba, Oronzo Morelli è il buon ladrone, Adriano Bagnulo è il ladrone cattivo, Mimmo Valente è Barbaro Biondo, Giuseppe Convertini è Lamia e Antony Sathees Viji è Simone di Cirene) attraverso la mimica propria dei pupi siciliani, prendendo voce e canto dal puparo-cantastorie Incudine.

Richiamato dalla banda musicale di Ceglie Messapica e invocando insistentemente “Misericordia”, il popolo si radunerà nella piazza per assistere all’interrogatorio di Pilato a Gesù, che attinge da Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov e prende vita grazie all’accorato cunto di Incudine. Si procede al suono di tamburi e troccole in processione verso il luogo della crocifissione, tra atmosfere mistiche e sognanti, scandendo le stazioni della Via Crucis con canti e racconti e preparandosi a intonare un Gloria corale, cantato anche dai bambini, che anticipa la radiosa domenica di resurrezione.

Nel finale, Buttafuoco attinge ad Anatole France e propone un Pilato che afferma di non ricordare Gesù Cristo (“una provocazione – spiega lo scrittore – contro la perdita del senso del sacro che ci circonda”) e restituisce quell’intimità invocata alla morte del figlio di Maria sulla croce velando l’altura del Golgota con un drappo nero di 300 metri quadrati che, come sottolinea lo stesso autore, “tutto ricopre, nasconde, rinchiude”.


PASSIONE
Testo, ideazione e regia di Pietrangelo Buttafuoco
Una produzione dell’associazione culturale Terra

Mario Incudine: maestro concertatore e cuntista

Antonio Vasta: fisarmonica e coordinamento musicale

Giorgio Rizzo: percussioni e coordinamento gruppo percussioni

Giuseppe Spicuglia: aiuto regia e direzione di scena

Sandro Rizzo: responsabile tecnico

Banda Associazione Antonietta Amico di Ceglie Messapica

CorOstuni

Coro Passione junior

Gruppo folk “La Stella”

Gruppo folk “Città di Ostuni”

Confraternita Maria Santissima del Carmine

Confraternita Madonna dei Fiori

Confraternita Madonna della Stella

Confraternita del Purgatorio

Confraternita dello Spirito Santo

Confraternita dell’Immacolata

Il brano “Gloria” è di Mario Saroglia. L’arrangiamento per banda del brano “Malarazza” è di Antonio Putzu

PERSONAGGI:

Felice Prudentino: Gesù

Marina Buongiorno: Maria Addolorata

Matteo Pacifico: Pilato

Carmelo Greco: Caifa

Antonio D’Ippolito: Ammazzatopi

Giuseppe Francioso: Chiancanedda

Nicoletta Narracci: Maria Maddalena

Francesca Galizia: Veronica

Angelo Barnaba: Pietro

Salvatore Tanzarella: Barabba

Oronzo Morelli: ladrone buono, Dìsma

Adriano Bagnulo: ladrone cattivo, Gèsta

Mimmo Valente: Barbaro Biondo

Giuseppe Convertini: Lamia

Antony Sathees Viji: Simone di Cirene

Mar
26
lun
Passione 2018 – Opera paese @ Piazza della Libertà - Centro storico
Mar 26@8:00 PM

La Passione a Ostuni
è un’Opera Paese firmata da Buttafuoco
Lo scrittore è stato chiamato dall’associazione Terra a riscrivere gli ultimi momenti della vita di Cristo coadiuvato dal cantastorie Mario Incudine. Insieme, hanno coinvolto l’intera città bianca. Domenica e lunedì alle 20 da piazza della Libertà alla cinta muraria con cori, gruppi folk, banda e confraternite.

La Passione di Cristo rivive a Ostuni la Domenica delle Palme e il lunedì santo coinvolgendo l’intera città bianca, sotto la direzione di Pietrangelo Buttafuoco e la partecipazione di Mario Incudine, cantastorie e maestro concertatore. È un’Opera Paese quella riscritta dallo scrittore, che il 25 e il 26 marzo, dalle 20 in poi, coinvolgerà non solo 300 persone tra figuranti e musicisti per raccontare il sacrificio di Cristo, ma anche le strade, le piazze, i balconi delle case nel percorso di 500 metri che si snoderà da piazza della Libertà alla cinta muraria, trasformata nel “Monte del Cranio”, palcoscenico di un’inedita Via Crucis.

La sfida dell’associazione culturale Terra, formata da un intraprendente gruppo di giovani di Ostuni Beppe Moro Gianluca Slow Zurlo Fabrizio Monopoli Domenico Lococciolo Giuseppe Francioso Gianluca IaiaMaurizio Flore Giusy Pomes, era quella di dare una nuova prospettiva alla tradizionale Passione, la rappresentazione vivente della crocifissione morte di Cristo, che vanta una lunga storia in città. L’opera di Buttafuoco è pensata come una voce unica tessuta da una coralità fatta di silenzi, fiati, sospiri, troccole, pelli di tamburo, quello che Incudine definisce “il suono di Ostuni” e che inevitabilmente attinge al dialetto pugliese e richiama quello siciliano.

Oltre alla task force dei 40 tecnici fra sarti, falegnami, costumisti, questa Passione regge sulla braccia robuste dei musicisti della banda di Ceglie Messapica Associazione Giovani Musicisti “Antonietta Amico”, i cantori del CorOstuni, il coro del bambini Passione junior Scuola dell’Infanzia San Giovanni XXIII, i gruppi folk Gruppo Folk Città Di Ostuni e Gruppo Folk La Stella, la Confraternita del Carmine Ostuni, Confraternita del Purgatorio Ostuni, Confraternita Madonna Dei Fiori Ostuni, dello Spirito Santo, arciconfraternita dell’Immacolata, Confraternita Santa Maria della Stella. I tre protagonisti (Felice Prudentino in Gesù, Marina Buongiorno nel ruolo di Maria Addolorata e Matteo Pacifico in Pilato) dialogheranno con tutti gli altri interpreti della Passione (Carmelo Greco è Caifa, Antonio D’Ippolito è il soldato romano Ammazzatopi, Giuseppe Francioso è il suonatore di tromba Chiancanedda, Nicoletta Narracci è Maria Maddalena, Francesca Galizia è la Veronica, Angelo Barnaba è Pietro, Salvatore Tanzarella è Barabba, Oronzo Morelli è il buon ladrone, Adriano Bagnulo è il ladrone cattivo, Mimmo Valente è Barbaro Biondo, Giuseppe Convertini è Lamia e Antony Sathees Viji è Simone di Cirene) attraverso la mimica propria dei pupi siciliani, prendendo voce e canto dal puparo-cantastorie Incudine.

Richiamato dalla banda musicale di Ceglie Messapica e invocando insistentemente “Misericordia”, il popolo si radunerà nella piazza per assistere all’interrogatorio di Pilato a Gesù, che attinge da Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov e prende vita grazie all’accorato cunto di Incudine. Si procede al suono di tamburi e troccole in processione verso il luogo della crocifissione, tra atmosfere mistiche e sognanti, scandendo le stazioni della Via Crucis con canti e racconti e preparandosi a intonare un Gloria corale, cantato anche dai bambini, che anticipa la radiosa domenica di resurrezione.

Nel finale, Buttafuoco attinge ad Anatole France e propone un Pilato che afferma di non ricordare Gesù Cristo (“una provocazione – spiega lo scrittore – contro la perdita del senso del sacro che ci circonda”) e restituisce quell’intimità invocata alla morte del figlio di Maria sulla croce velando l’altura del Golgota con un drappo nero di 300 metri quadrati che, come sottolinea lo stesso autore, “tutto ricopre, nasconde, rinchiude”.


PASSIONE
Testo, ideazione e regia di Pietrangelo Buttafuoco
Una produzione dell’associazione culturale Terra

Mario Incudine: maestro concertatore e cuntista

Antonio Vasta: fisarmonica e coordinamento musicale

Giorgio Rizzo: percussioni e coordinamento gruppo percussioni

Giuseppe Spicuglia: aiuto regia e direzione di scena

Sandro Rizzo: responsabile tecnico

Banda Associazione Antonietta Amico di Ceglie Messapica

CorOstuni

Coro Passione junior

Gruppo folk “La Stella”

Gruppo folk “Città di Ostuni”

Confraternita Maria Santissima del Carmine

Confraternita Madonna dei Fiori

Confraternita Madonna della Stella

Confraternita del Purgatorio

Confraternita dello Spirito Santo

Confraternita dell’Immacolata

Il brano “Gloria” è di Mario Saroglia. L’arrangiamento per banda del brano “Malarazza” è di Antonio Putzu

PERSONAGGI:

Felice Prudentino: Gesù

Marina Buongiorno: Maria Addolorata

Matteo Pacifico: Pilato

Carmelo Greco: Caifa

Antonio D’Ippolito: Ammazzatopi

Giuseppe Francioso: Chiancanedda

Nicoletta Narracci: Maria Maddalena

Francesca Galizia: Veronica

Angelo Barnaba: Pietro

Salvatore Tanzarella: Barabba

Oronzo Morelli: ladrone buono, Dìsma

Adriano Bagnulo: ladrone cattivo, Gèsta

Mimmo Valente: Barbaro Biondo

Giuseppe Convertini: Lamia

Antony Sathees Viji: Simone di Cirene

Apr
2
lun
Pasquetta al Parco di Santa Maria D’Agnano @ Parco archeologico di Santa Maria d'Agnano
Apr 2@11:30 AM

Lunedì 2 aprile giorno di Pasquetta alle 11:30, nel Parco archeologico si svolgerà lo spettacolo dal titolo “Concerto fragile”, per la regia di Antonio Catalano con Alessandra Manti e Sara Bevilacqua. Una spettacoloso dedicato ai bambini, ma adatto anche agli adulti. Nel giorno di Pasquetta l’ingresso al Parco archeologico sarà gratuito.
Concerto fragile è suono, è poesia, è silenzio. È un alfabeto teatrale da leggere nei segni, negli oggetti e nei gesti. E’ il concerto dei bambini che con la propria immaginazione entrano in un mondo di suoni e immagini, si stupiscono e si meravigliano, si divertono, cantano e giocano in uno spettacolo pieno di bellezza poetica da guardare e sentire con gli occhi e col cuore.

Apr
8
dom
Open day della Biodiversità: i carciofi di Ostuni! @ bio Solequo - I Giardini della Grata
Apr 8@9:30 AM

Domenica 8 aprile 2018 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 scopriremo insieme le antiche varietà di carciofo di Ostuni insieme agli altri ortaggi di stagione.
Ci sarà infatti una visita guidata gratuita alle ore 10:30 con cui spiegheremo come anticamente i contadini ostunesi coltivavano “i giardini” nei pressi della Chiesa di Santa Maria della Grata, quali vincoli fisici e climatici avevano, e come riuscivano a trarre il massimo nonostante essi.
Oltre alle nozioni storiche, vi parleremo di come coltiviamo ora quegli orti col metodo biologico e biodinamico, e dove possibile assaggeremo qualche ortaggio durante la passeggiata.
Sarà possibile degustare i nostri ortaggi e prodotti da forno, ed allestiremo il nostro banco ortofrutta per coloro che volessero acquistarli.
Ci faranno compagnia gli amici di Labo Naturae, Gran Teatro del Click nature&food StampalaNatura e Apicoltura Alveare Bianco OstuniEducazione Libertaria Urupia con le loro attività e prodotti.
Iniziativa patrocinata moralmente dal Comune di Ostuni.
INFO:
Bio Solequo Coop 0831 305303 // 328 3905813 // 346 7760938 // 348 0023970
GEOLOCALIZZAZIONE:
i Giardini della Grata si trovano nei pressi del parcheggio del centro storico adiacente alla scuola “Vitale”, ecco la localizzazione su Google Maps https://goo.gl/maps/f6YFWqeoRey